Sinti a me!

Sinti a me!

(#Matteostaisereno)

 

Interesse nazionale è affrontare e risolvere la questione dell’integrazione dei Rom e dei Sinti, testuali sono le parole della ministra Boldrini. Immediatamente riprese da Cecilia Strada che ha obiettato: cara Laura forse volevi dire: interessa nazionala è affrontara e risolvera la questiona dell’integraziona dei Roma e dei Sinta.

Risolta la formula del comunicato stampa, la notizia è rimbalzata alle orecchie dei diretti interessati, che ne hanno voluto sapere di più.

Purtroppo, continua Boldrini, in Italia c’è grande ignoranza sulla storia di questa minoranza che è nel nostro Paese da oltre 700 anni.

Cecilia Strada interviene ancora: guarda Laura che devi dire: purtroppa, purtroppa! (NdR: se la Strada prosegue così si mette su una brutta strada e finirà in mezzo ad una strada.)

Intanto i capi Rom e Sinti si sono riuniti in consiglio, ché ‘sta roba della Boldrina che parla di loro li inquieta un filino: visto il destino degli italiani vorrebbero salvarsi la pelle, prima che la ministressapopolo, abilissima nel guastare vite altrui, gli rovini i 700 della loro una volta per tutte.

Si riferisce di Colloquio tra capi Sinti e Rom:

Sinti bene, capo Sinti, ma sinti bene: ‘sta cosa che ci vogliono integrare agli italiani a me non piacere proprio per niente, io volere mia gente libera e fare i cassi nostri come avere sempre fatto.

Sinti capo Rom, perché parli come lo zingaro scemo dei film americani?

Io parlare così perché telecamera registrare tutto e fare noi vedere al tiggì4. Già che ci sono io sputare anche dente d’oro in faccia a uomo di televisione. E poi dare schiaffo miseria al Berlusca con la Ferrari TestaRossa che no è mia, è di mio cuggino di Romania, bellocuggino di Romania spako botilia amazo familia.

Ehm, capo Rom, sinti a me: non ci sono le telecamere, siamo soli io e te.

Potevi dirmelo prima, poffarbacco! Avessi saputo dell’assenza dei media e della latitanza del sindaco Raggi avrei parlato come mi hanno insegnato ai corsi di Cambridge più il master a Harward più la libera docenza a Yale Sorbona e Normale di Pisa. Sei lauree, diciotto master e la completa padronanza del metodo Stanislavskij, mi consentono di interagire ed interpretare qualsiasi ruolo mi venga richiesto. Intercalando coi laddove e qualora, tale e quale a Bonolis.

Capo Rom, tu divaghi e non vieni al punto. La tipa ci integra con gli italiani! Peggiore disgrazia al nostro fiero popolo non poteva capitare! Ma li vedi gli italiani, ma vuoi assimilarti?

(a ‘sto punto il redattore ha perso il filo e non sa più se è il Rom o il Sinti.)

(… momento di riflessione)

(siccome il redattore non ne esce, va di riassunto:)

Dunque: Boldrini afferma che in Andalusia e Camargue siano perfettamente integrati e addirittura la loro presenza è significativa della cultura di quei territori, rappresentando anche un’attrattiva.

Capo Rom, e lo credo bene! Spagna e Francia, mica Italia! Ma hai sintito la tizia? Certo che lì stiamo bene, non è mica Centocelle! A Roma l’attrattiva è che ci mettono nelle gabbie e ci fan tirare le noccioline da Salvini!

Capo Sinti, Salvini a Roma non c’è. Al più ce le tira CasaPound, ma il pericolo che a Roma ci sia o sarà Salvini quello non lo corriamo proprio, #staisereno.

Capo Rom, di te mi fido, ma adesso cosa facciamo?

Sinti capo Sinti, andiamo da quella babuzie della  Boldrini. Le tiriamo in faccia la dentiera d’oro di zia Patrina. Oppure le facciamo girare nella Camera l’elicottero che lancia petali di rose. O ancora, potremmo suonarle O violino Tzigano, o darle ‘na bottarella…de fortuna e vedrai che ci lascia stare.

Guarda capo Rom che quando le donne si fissano…

Capo Sinti, c’è sempre il piano B.

E quale sarebbe?

L’angolo rotture della Lidl, se le parliamo dell’angolo rotture della Lidl cambia idea. Perché dell’angolo sa pochetto, della Lidl ancora meno. Ma in rottura è specializzata che te al confronto sei un pischelletto disagiato.

(Questa ultima frase non è ben chiaro chi la pronunzi, comunquemente lo smemorato redattore ringrazia l’agenzia AdnKronos per l’aiuto prestato, e mai più restituito.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*