Toti, il capitano e il cavaliere: l’autunno caldo del centro destra confuso

E finì – anche se non è detto sia finita qui: la situazione è in continuo movimento, trarne segnali concreti è in pratica impossibile – finì con il Giovanni Toti stretto tra l’affettuoso abbraccio di Matteo Salvini e quello stritolante di Silvio Berlusconi.

Ricapitolando: Toti il 6 luglio raduna un po’ di gente amica al teatro Brancaccio di Roma e presenta la sua nuova creatura, dal nuovissimo e un filo inquietante nome: Cambiamo!  di fatto mollando: il Cavaliere, Arcore e Dudù.

Da codesta desolata landa che è il Blog de Il Super Redattore gli arrivò perfino, poco dopo, il personale plauso di chi scrive: bravo Toti, fa’ il tuo cammino e guarda in faccia nessuno.

Purtroppo, almeno per me, è andata diversamente. Ci hanno messo le zampe (non necessariamente in quest’ordine): il Papeete di Milano Marittima, i sondaggi di You Trend, l’assoluta fredda piaggeria delle truppe carroccine e, last but not least, proprio lui: il capitano. E il povero Toti oggi sta con uno il quale però sta con l’altro, ritrovandosi così alleato di Berlusconi a sua insaputa, o se non proprio, a decisione altrui.

Indi Toti lascia Forza Italia, però Forza Italia riallaccia con Salvini il quale ha Toti come fedelissimo. Neanche gli sceneggiatori de Il Segreto avrebbero saputo far di meglio. Infatti pare che Netflix sia interessato ai diritti della fittissima trama per tirarne fuori una serie tv dal titolo La Casa di Palta.

Centro destra unito? Paiono più il cast de I Soliti Ignoti, ove il ruolo di Nicoletta è ampiamente coperto dalla Giorgia Er Più de Roma e quello de Peppe Er Pantera da Matteo Salvini (altrimenti non firma il contatto.) Brunetta è cooptato per la parte di Ferribotte. A Gianluca Savoini di diritto, non soltanto cinematografico, quella di Dante Cruciani, esperto di comari.

Per ora tocca chiudere qui: troppa carne al fuoco e troppo fumo. Nel frattempo consiglio la visione dell’ultima pelicùla tarantiniana: C’era una volta la Lega. Protagonista Giancarlo Giorgetti nel personaggio di Hans Landa. Ma quel personaggio lì stava in Bastardi Senza Gloria! Eh lo so, ma guardate il tutto: non è una meraviglia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*